Niente morgue per Julio Cortázar

Primi giorni di febbraio, Parigi, 1984. Julio Cortázar, Aurora Bernárdez e Saul Yurkievich sono andati in macchina fino alla Bibliothèque de l’Arsenal. Cortázar è parecchio malato. Vorrebbe congedarsi da quella biblioteca, rifugio privilegiato, tana e conforto e simbolo del suo trascorso parigino. È un edificio alto, manca l’ascensore e di fare le scale a piedi […]

Continua a leggere "Niente morgue per Julio Cortázar"

Julio Cortázar, il compleanno palindromo [gioco all’interno]

Se esiste un compleanno preferito allora il primo compleanno palindromo a tripla cifra per un tipo come Julio Cortázar cosa-te-lo-dico-a-fare. Centouno. Come festeggiare? Vediamo. Proviamo con il concetto di figura, quella roba che che si vede molto bene, per esempio, in Componibile 62 e che fa rima con libero arbitrio e vabbuò, le caselle della […]

Continua a leggere "Julio Cortázar, il compleanno palindromo [gioco all’interno]"

Il bisessuale Julio Cortázar

Julio Cortázar era bisessuale e per questo motivo contrasse l’Aids e morì. Oggi l’internet – Rivista Studio – pubblica un servizio su Harold Bloom, critico letterario di una certa rilevanza, professore emerito a Yale, solennità accademiche qui e là, otto decadi e un lustro in funzione della letteratura dalla quale ha cavato idee chiarissime e […]

Continua a leggere "Il bisessuale Julio Cortázar"