In quella piazza ci sarò anch’io | l’omaggio di Enrico Brega per Julio Cortázar

Amìsci de il Secolo Corta, oggi puntata speciale grazie al contributo dell’amico cronopio Enrico Brega che ha deciso di partecipare alla festa per il centenario di Julio Cortázar omaggiandolo con qualche riga, che state per leggere. La storia da lettore cortázariano di Enrico è probabilmente comune: arriva al nostro grazie a David Foster Wallace, uno dei due fenomeni letterari degli ultimi anni, l’altro è Roberto Bolaño ed entrambi furono grandissimi estimatori di Julio Cortázar.

La storia finisce con Enrico che prende un aereo, o forse no.

Buona lettura.

*

In quella piazza ci sarò anch’io [di Enrico Brega]

Gli incontri casuali sono quelli che nella vita lasciano il segno più profondo e forte. Mi è successo così anche con Julio Cortázar. Non l’ho cercato per le mie letture, né sui bancali delle varie librerie che bazzico regolarmente ho visto esposti suoi libri. Ho letto poi da qualche parte che nel nostro Paese è poco conosciuto.

È stato un altro scrittore, David Foster Wallace, quello che per me è il maggior talento letterario degli ultimi due decenni, a farmelo conoscere. Wallace in una lunga e ponderosa intervista rilasciata nell’aprile 2007 dichiarava che quando s’imbatteva in uno scrittore mai letto prima che da subito lo affascinava aveva l’impressione di avvertire una sorta di “click.” E tra quelli c’era lui, il Nostro Julio.

Così ho comprato e letto per ben due volte di seguito Rayuela. Che mi è rimasto addosso, inesorabilmente. E non ho potuto fare a meno di commentarlo su un blog delle “umane lettere” che abitualmente frequento. Poi ho consigliato il romanzo a quattro miei amici/parenti: tre di loro non ne hanno portato a termine la lettura, il quarto, uno dei miei figli, ne è stato come folgorato e mi ha ringraziato per averglielo suggerito. Una conferma, se mai ve ne fosse stato bisogno, che Rayuela non è un libro per tutti. Da parte mia sono grato a Julio.

Adesso non mi resta che passare agli altri suoi libri. Il primo che ho appena acquistato è Tanto amore per Glenda, che da oggi inizierò a leggere.

Last but not least: a Buenos Aires c’è una piazza a Lui dedicata, con questa scritta murale che viene puntualmente rinnovata “Julio, torna, cosa ti costa?”

Ebbene, se uno di questi giorni qualcuno mi vedesse prendere l’aereo a Linate o Malpensa – destinazione Buenos Aires – con una valigia piena di bombolette spray sappia che vado là per rinfrescare la scritta.

plaza Cortázar, quartiere Palermo, Buenos Aires. tutti i fine settimana diventa una sorta di fiera indie di robe artistiche.
plaza Cortázar, quartiere Palermo, Buenos Aires. tutti i fine settimana diventa una sorta di fiera indie di robe artistiche.

 

 

2 pensieri su “In quella piazza ci sarò anch’io | l’omaggio di Enrico Brega per Julio Cortázar

  1. Ai grandi estimatori del Corta possiamo naturalmente aggiungere Calvino: è anche grazie a lui e al suo lavoro presso Einaudi che abbiamo la fortuna di conoscere Cortàzar in Italia.

    "Mi piace"

che ne penzi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...